Cerca
  • CFMW Italia

Presentazione nazionale del progetto APEI - 7 Dicembre ore 10

La presentazione del progetto APEI - Azioni e Politiche per una Efficace Integrazione si svolgerà martedì 7 dicembre dalle 10 alle 12, presso la sala convegni del CSV Lazio in Via Liberiana 17 (Roma).

Sarà possibile partecipare da remoto, su piattaforma Zoom, registrandosi a questo Link

Programma

  • Introduzione sul progetto APEI

  • Presentazione dei risultati della ricerca sul campo

  • Presentazione dei percorsi formativi a distanza rivolti a dipendenti pubblici, docenti e immigrati

  • Presentazione della piattaforma dei servizi on-line

  • Testimonianza di un percorso di integrazione

Relatori

  • Franco Pittau - Responsabile Scientifico del progetto APEI e membro di CFMW Italia. Già coordinatore per IDOS del Dossier Statistico Immigrazione

  • Michele Grippa - Progetto APEI

  • Antonio Sanfrancesco - FILEF

  • Marianna Capretti - Il Tetto Casal Fattoria Cooperativa Sociale

  • Luisa Pagano - CFMW Italia

E' prevista la presenza di ospiti del Ministero dell'Interno e dell'ANCI. Per ulteriori informazioni: lazio@progettoapei.org


Qualcosa sul progetto APEI - Azioni e Politiche per una Efficace Integrazione: Finanziata dal Ministero dell’Interno nell’ambito del programma Fami, l'iniziativa ha previsto la realizzazione di un’analisi comparata sui temi dell’accoglienza dei migranti e del relativo processo di integrazione degli stessi nel contesto di arrivo europeo. Nella gestione delle attività di analisi comparata vi è stato il coinvolgimento di associazioni e di enti che svolgono attività di accoglienza o misure specifiche di integrazione dei migranti nel loro contesto nazionale. I paesi partner del progetto sono la Germania, la Grecia e la Turchia. Realtà nazionali che hanno sviluppato modalità e normative specifiche per attivare processi di inclusione attiva dei migranti arrivati nei propri contesti nazionali. Il progetto non si limita soltanto alla fase dell’analisi oggettiva delle esperienze nazionali, ma tende anche a costruire un modello di integrazione sociale dei migranti che va al di là del momento di accoglienza, superando la logica dell’emergenza contingente di un momento critico dovuto all’arrivo di flussi di migranti non programmati o attesi sul territorio specifico. Tale modello dovrà essere condiviso dai partner di progetto e proporlo come una Buona Prassi da implementare successivamente nei vari Paesi europei come azioni di mainstreaming orizzontale e verticale nello stesso tempo. Nel progetto è prevista una fase di implementazione del modello ed una fase di formazione per dipendenti pubblici e per operatori sociali o della scuola che si propongono di promuovere anche una nuova dimensione dell’interculturalismo e del multiculturalismo nel proprio Paese.

3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti